Ridipingere le pareti di casa è un ottimo modo per rinnovare l’arredamento senza tanta fatica. Cimentarsi in questa impresa può sembrare difficile, ma con i giusti accorgimenti, cambiare colore alle pareti di una stanza sarà davvero semplicissimo!

Quale colore scegliere

Innanzitutto bisogna scegliere un colore adatto alla stanza da ritinteggiare, i colori scuri sono adatti a luoghi di passaggio, come disimpegni, ingressi oppure corridoi invece i colori chiari sono più adatte a stanze come camera da letto, salone o camera da pranzo. Se abbiamo l’esigenza di ridipingere una camera dove siamo soliti trascorrere gran parte delle nostre giornate e, la nostra scelta ricade su un colore scuro come il nero, il grigio, il blu o un brillante verde ottanio, è sempre meglio optare per la tinteggiatura di una sola parete. Per la camera da letto possiamo pensare di rinfrescare la parete dietro il letto, così come per il soggiorno rinnovare la parete dietro il divano oppure alle spalle della tv; i colori scuri a lungo andare appesantiscono l’ambiente quindi è bene limitarli ad una determinata porzione di muro.
Per lasciare intatto quel clima di relax proprio della stanza da letto o del soggiorno sarà meglio utilizzare un colore scuro esclusivamente su una parete.
Una volta scelto il colore possiamo procedere.

Cosa ci occorre per dipingere una parete

Se abbiamo in mente di ridipingere una parete in una tonalità particolare, sarà meglio recarsi da un colorista e farsi creare il colore ex novo, così da esaudire i nostri desideri. Inoltre un colorista ben fornito sicuramente avrà a disposizione tutti gli strumenti che ci occorrono per tinteggiare:

  • Pennello medio a punta piatta
  • Rullo per verniciatura o pennellessa
  • Bacinella + rete per rullo
  • Nastro adesivo in carta
  • Teli universali di protezione
  • Secchio per la pittura
  • Stucco
  • Carta vetrata

E’ molto importante avere sia la pennellessa / il rullo, sia un pennello medio a punta piatta, quest’ultimo servirà per fare le rifiniture o gli angoli.

Come ridipingere una parete

In primo luogo abbiamo bisogno di correggere la parete lì dove sono presenti macchie o buchi. Per questa operazione è bene munirsi di stucco e carta vetrata di una grana media. Una volta riempiti i buchi con lo stucco, bisognerà carteggiarli per portarli a livello della parete così da evitare rigonfiamenti. Una volta effettuato questo primo step possiamo procedere con la tinteggiatura della parete.
La prima cosa da fare è proteggere con i teli di plastica universali sia il pavimento che i battiscopa sotto la parete di interesse; utilizzare il nastro adesivo per proteggere le placchette delle prese e per delineare lo spazio da tinteggiare magari lasciando un cm dal soffitto e dagli angoli.
Ora siamo pronti per procedere con la pittura!
Se si sceglie si utilizzare il rullo possiamo togliere la pittura in eccesso passandolo sulla rete per rullo, se invece scegliamo di utilizzare la pennellessa sporchiamo di pittura soltanto la punta del pennello e procediamo con la tinteggiatura. Cerchiamo di passare la pittura dal basso verso l’alto o comunque utilizziamo sempre lo stesso verso per tutta la parete così da avere un colore pieno ed omogeneo.
Procediamo con l’asciugatura e poi con una seconda passata.

Lavoro terminato

Una volta asciugata anche la seconda passata di pittura, procediamo con lo staccare il nastro adesivo. Un piccolo accorgimento è quello di riscaldare il nastro adesivo con il phon, così da evitare di lasciare segni evidenti o di staccare pezzi di intonaco. Et voilà la nostra nuova parete colorata è pronta! La tonalità scura della vostra parete cambierà volto alla stanza in maniera decisa ma senza troppo sforzo.